DAY 7 – I fiordi orientali: da jökulsárlón a stokksnes (AUSTFIRÐIR, FIORDI DELL’EST)

Venerdì 28 ottobre. Seconda sveglia consecutiva con il piede giusto (non ci sembra vero, finalmente il tempo è cambiato!).
Il programma della giornata prevede un’altra alba a Jökulsárlón, per poi portarci verso la costa orientale dell’Islanda, famosa per i suoi fiordi.

Avendo avuto modo di sperimentare molte composizioni con i blocchi di ghiaccio sulla spiaggia decido, insieme ad Andrea, di cambiare zona e di spostarmi prima all’interno e poi nella parte Sud-Ovest della laguna, sulla sommità della morena lasciata dal ghiacciaio nel suo punto di massima estensione. La nostra scelta sembra essere azzeccata, una luce dorata illumina tutto il Vatnajökull, ricoperto puntualmente da una nube lenticolare.

dsc_9753a

dsc_9807a

dsc_9839a-2

dsc_9829a

Arrivata una certa ora, ritorniamo con il resto del gruppo sulla spiaggia e, ancora una volta, trovo un oggetto magico (il drago del giorno precedente deve esserselo dimenticato…): una “pietra di luce”.

dsc_9919a

Arrivato il momento di partire, salutiamo il luogo e ci mettiamo in viaggio per i fiordi Est.
Giunti nei pressi di Höfn í Hornafirði ci fermiamo all’hotel per posare i bagagli e poi proseguiamo saltando Stokksnes e addentrandoci nella regione dei fiordi. Lo scenario è stupendo: montagne ghiaiose di variegati colori disegnano il paesaggio. Un vero peccato non aver auto tempo di scattare foto a luoghi così belli. Sicuramente sarà un pretesto per ritornare in questa strabiliante isola.

dsc_0003a

Fatta inversione poco prima di Djúpivogur, ritorniamo verso il luogo prefissato per la serata.
Arrivati a Stokksnes, alle pendici del Vestrahorn, la bellezza del luogo ci lascia ancora una volta a bocca aperta. Dune di sabbia nera, decorate con qualche ciuffo d’erba sulla sommità, si alternano fino a una laguna, che si estende poi fino al mare. Un luogo incantato.

dsc_0067a

dsc_0054a

dsc_0071a

Al tramonto assistiamo a uno spettacolo che non ha eguali. La montagna si tinge di un intenso colore arancione. Il tutto è amplificato dalla incredibile riflessione sul pelo dell’acqua all’interno della laguna.

dsc_0208-panoa

Sfruttata l’ora blu per la cena a Höfn, ritorniamo a Stokksnes poco dopo l’inizio vero e proprio della notte. La quantità di stelle che si riuscivano a vedere quella sera è indescrivibile.

dsc_0244a-2

Attesa una decina di minuti (investita in autoscatti vari), ecco che dietro al Vestrahorn spunta una luce verde. Arriva ancora una volta l’aurora, ma mai mi sarei immaginato un posizionamento così preciso per la fotografia che avevo in mente.

dsc_0254a

dsc_0293a-2

dsc_0326a-2

Purtroppo anche per quella sera era arrivato il momento di andare all’hotel. Tuttavia una fermata lungo la strada è stata ancora d’obbligo.

dsc_0339a-2